Master in microwave management per cucinare sano e gustoso al microonde

Whirlpool ha celebrato i suoi 50 anni di produzione di microonde con un Master in microwave management, il primo corso specializzato nella cucina a microonde, intesa come la cucina dei tempi moderni, sana, leggera e gustosa. Docente del Master è stato il personal chef Antonio Marchello

Whirlpool Corporation, azienda numero uno al mondo nella vendita di grandi elettrodomestici (Fonte: Euromonitor International Limited; dati 2011 su volumi di vendita canale retail), celebra quest’anno il 50° anniversario che consacra la sua leadership e autorevolezza nell’ambito della cottura a microonde e, per l’occasione, ha organizzato il primo Master in microwave management.

Nel 1962, infatti, l’azienda ha iniziato la produzione di questo elettrodomestico nella sua fabbrica svedese di Norrköping, diventata negli anni centro di eccellenza nella cottura a microonde. In questa fabbrica, si continua a investire in ricerca e sviluppo per migliorare le tecnologie che hanno contribuito alla leadership assoluta di Whirlpool in questo settore.

In occasione di questo importante anniversario (1962-2012), l’azienda ha organizzato il primo Master in Microwave Management nel cuore delle Langhe, presso la Tenuta di Fontanafredda. La suggestiva location racchiude tutte le eccellenze enogastronomiche di questa terra e si avvale della collaborazione di Eataly e Slow Food, da sempre sinonimo di cibo buono e di qualità. Per questi motivi, la tenuta è stata selezionata da Whirlpool come sede ideale del primo Master specializzato nella cucina a microonde, la cucina dei tempi moderni, sana, leggera e gustosa. Docente del Master è stato Antonio Marchello, personal chef e autore della collana “Anforchettabol – Alla ricerca del piatto perduto”, che per l’occasione è salito in cattedra per spiegare il mondo della cucina a microonde e per presentare alcune ricette da veri gourmet.

Whirlpool, negli anni ha promosso un’ampia campagna di educazione alla cucina al microonde con l’obiettivo di creare cultura su questo tipo di cottura e sfatare i pregiudizi sulla sua pericolosità. L’azienda, attraverso le sue tecnologie innovative e gli esclusivi brevetti, è riuscita a farsi apprezzare dal consumatore per l’eccellenza dei suoi forni a microonde, vere e proprie macchine da cottura, complete e versatili che consentono di cucinare davvero, in meno tempo e con molteplici benefici anche nutrizionali.

Il Master è nato per portare avanti questa campagna arricchendola di contenuti innovativi come, ad esempio, il punto di vista di uno chef nei confronti di questo tipo di cottura e anche per offrire nuovi approfondimenti sulla cucina al microonde e permettere di conoscere a fondo le sue inaspettate potenzialità. Si è trattato di un “corso intensivo” per diventare veri esperti del forno a microonde, per poter e saper contare in ogni situazione su questo prezioso alleato della cucina buona e sana.

Come ogni master che si rispetti, anche il 1° Master in Microwave Management si è svolto in due diversi momenti: una parte teorica e una pratica.
La teoria ha visto lo chef Antonio Marchello spiegare il mondo della cucina a microonde dal suo punto di vista. Argomenti della lezione sono stati non solo le nozioni basilari su questo tipo di cottura e le principali funzioni dei forni, ma anche i parallelismi esistenti tra la cucina tradizionale e quella al microonde, dimostrando che qualsiasi ricetta può essere tranquillamente realizzata con i forni a microonde. Lo chef ha, infatti, presentato e commentato alcune ricette da lui realizzate interamente al microonde proprio in occasione del Master e ha offerto anche le regole fondamentali sulla scelta del vino ideale da abbinare a pranzi eccellenti preparati interamente con il forno a microonde. La lezione teorica si è conclusa con alcuni preziosi consigli da parte dello Chef Antonio Marchello su come fare squadra in cucina e sull’importanza di ogni singolo ruolo in cucina per la riuscita di ogni ricetta.

Successivamente, si è passati alla parte pratica, una vera e propria competition che ha visto protagonisti tutti i partecipanti del Master. Divisi in 3 squadre, gli allievi si sono sfidati in una divertente gara culinaria a colpi di microonde in cui dimostrare quanto appreso nel corso della lezione e dar prova della propria abilità e creatività in cucina. Ciascuna squadra, capitanata da un esperto chef Whirlpool, ha dato subito prova di originalità scegliendo il proprio nome: Le belle rosine, Le cipolle ridenti, Noi. A loro disposizione sono stati previsti: una postazione dotata di un forno a microonde Jet Chef Premium, alcuni ingredienti segreti da abbinare tra loro con un pizzico di estro e fantasia e gli utensili necessari per cucinare.

La sfida per ogni squadra era realizzare nel minor tempo possibile una ricetta con gli ingredienti svelati solo all’inizio della competition e usando il maggior numero di funzioni del forno a microonde.

Il piatto realizzato da ognuna delle tre squadre è stato sottoposto al giudizio di una giuria di esperti composta da Lorenzo Paolini, amministratore delegato e vice presidente market operations South Europe Whirlpool Emea, Giovanni Minetti, direttore generale della Tenuta di Fontanafredda, Antonio Marchello, docente del master e personal chef, e Monica Orienti, product trainer retail di Whirlpool. La giuria ha assaggiato e valutato ogni ricetta secondo sette parametri: creatività, tempo di esecuzione, completezza e chiarezza, mise en place, gusto, abbinamento al vino e numero di funzioni utilizzate.

Il Master si è concluso con una cena di premiazione che ha visto trionfare la squadra “Noi” con la ricetta “Fassona bardata con salsa alle erbe e con verdure”. Al termine della premiazione a ciascun allievo del Master è stato consegnato il diploma di partecipazione.

Il Master in Microwave Management è stata la dimostrazione di come, oggi, la cucina al microonde può essere considerata, a pieno titolo, la cucina dei tempi moderni. Questo rivoluzionario modo di cucinare segue, infatti, i nuovi trend in cucina che puntano l’attenzione, ad esempio, sulla velocità della tecnologia per grandi performance oppure sulla crescente democrazia “ai fornelli” dove tornano protagonisti chef concreti e allo mano così come ricette semplici e facilmente realizzabili a casa. A questo proposito Antonio Marchello, personal chef, afferma «Personalmente ho sempre preferito le cotture espresse e veloci, trovo che esaltino maggiormente le caratteristiche di un’ottima materia prima. Ma mai come ora avverto nelle esigenze di ognuno, dallo chef alla casalinga, dal gourmand al businessman sempre indaffarato, il desiderio di una cucina sana, leggera, veloce e soprattutto pratica. Nell’era in cui con un telefonino possiamo utilizzare tantissime altre funzioni che ci semplificano la vita velocizzando diverse operazioni non vedo perché non si possa applicare lo stesso principio alla cucina con il forno a microonde…».

«Siamo orgogliosi di aver raggiunto questo importante traguardo: 50 anni di esperienza, ricerca e autorevolezza nell’ambito della cottura a microonde» dichiara Lorenzo Paolini, amministratore delegato e vice presidente market operations South Europe Whirlpool Emea. «Da anni è nostra prerogativa fare cultura su questo tipo di cottura e, in quest’ottica, è nato il progetto di un Master in Microwave Management. Riteniamo, infatti, che come solo le migliori università possano ospitare master in grado di preparare i propri allievi e aprire le porte alle più brillanti carriere così solo un’azienda leader come Whirlpool possa promuovere un corso di approfondimento sulla cottura al microonde che permetta di comprenderne i reali benefici e che la proietti nel futuro come la cucina più all’avanguardia».

Articolo originale: http://www.italiaatavola.net/articoli.asp?cod=27669

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>